Studio di consulenza e formazione in tecniche del commercio internazionale

 

  • Consulenza export su quesito singolo o in affiancamento
  • Contrattualistica internazionale
  • Spedizioni internazionali
  • Pagamenti internazionali

L’Operazione Doganale Export

L’immancabile burocrazia

Customs ControlCom’è noto, l’esportazione delle merci non comporta il pagamento di alcun dazio e, con esclusione dei casi di imposizione delle accise, non comporta alcun onere finanziario. Abbiamo già trattato l’Origine delle Merci, la Classificazione Tariffaria e il Valore in Dogana e ora andiamo a esaminare, in forma sintetica, qual è la procedura per soddisfare le formalità doganali export.

 

Il valore in dogana

La terza colonna portante del diritto doganale dell’Unione

Valore in doganaDopo l’origine delle merci e la classificazione tariffaria, la terza colonna portante del diritto doganale dell’Unione Europea è il valore in dogana. L’attribuzione del valore della merce è infatti la base su cui si basa il calcolo dei diritti doganali da corrispondere.  Ne deriva che il valore in dogana costituisce un elemento di particolare rilevanza.

 

Professione: intermediario export

L’intermediario spicca il volo…

International MarketplacePer molti, l’intermediazione è il primo passo verso l’attività di export. Sempre più spesso sono contattato da operatori che chiedono consulenza per un progetto d’intermediazione export. Nella maggior parte dei casi si tratta di persone che conoscono bene la realtà imprenditoriale del loro territorio e che possono intrattenere rapporti privilegiati con produttori o importatori locali.

Classificazione tariffaria delle merci

La seconda colonna portante del diritto doganale dell’Unione

DoganaDopo aver trattato l’argomento dell’origine delle merci, prendiamo ora in esame la classificazione tariffaria, mentre il valore in dogana sarà oggetto di un altro post.
Com’è intuibile, la classificazione delle merci è un’operazione di grande importanza. Purtroppo è anche spesso sottovalutata dagli importatori italiani.

Origine delle merci e “Made in Italy”

La prima colonna portante del diritto doganale dell’Unione

DoganaCom’è noto, l’origine delle merci è uno dei tre pilastri del nuovo codice doganale dell’Unione Europea. Gli altri due pilastri, la classificazione tariffaria e il valore in dogana, sono oggetto di altri post di questo blog.

La determinazione dell’origine delle merci è trattata da un ridotto numero di articoli nel Nuovo Codice dell’UE (CDU) ma questo non deve trarre in inganno, si tratta di un argomento di grande rilevanza!

La Lettera di Credito Trasferibile

Strumento di autofinanziamento e trading

No CashMolti operatori economici che agiscono come intermediari, si lamentano dei rischi e dei limiti che questo loro ruolo comporta. È sicuramente vero che l’attività d’intermediario consente di entrare nel mondo dell’export con un minimo impiego di risorse finanziarie e umane ma è altresì vero che il ruolo d’intermediario ha due innegabili risvolti negativi:

Bank Payment Obligation

Un nuovo strumento di pagamento internazionale

BPO approvedIl 27 febbraio del 2015 fu conclusa con successo la prima operazione di BPO (Bank Payment Obligation) in Italia. La banca che ne curò l’esecuzione fu l’Unicredit e il Paese estero della controparte fu la Germania.

I contratti commerciali internazionali

La normativa vigente in California

LibertyÈ a tutti nota la rilevante importanza che il mercato americano riveste per tutte le imprese che intendano operare con l’estero. Può quindi, essere utile fornire una informazione di primo orientamento, sotto il profilo giuridico, delle principali forme contrattuali, che possono essere utilizzate in detto mercato.

Export: contratti e legge applicabile

Attenzione alle clausole ambigue 

Clausole contrattuali ambigueLa corretta formulazione della clausola relativa alla legge applicabile assume particolare rilevanza nella redazione dei contratti internazionali mentre tale aspetto è molto spesso trascurato da taluni operatori.

Export: la gestione del rischio (2)

Tecniche di mitigazione del rischio

Rischio commercialeLa gestione dei rischi commerciali nelle attività di export, consiste nel corretto utilizzo di cinque procedure che, se applicate con ragionevolezza e competenza, possono garantire un sano sviluppo commerciale anche nei Paesi considerati più ostici. Esaminiamo queste cinque procedure in dettaglio.