Il progetto export (1)

Progettare per realizzare presto e bene

Progetto exportI primi incontri tra il consulente export e l’imprenditore che intende iniziare l’attività di esportazione devono concentrarsi sulla valutazione delle risorse esistenti e sul possibile miglior utilizzo che possiamo farne.

 

Il primo passo da compiere per intraprendere la via dell’export verso il successo consiste nel redigere un piano operativo export che includa le azioni concrete da intraprendere e le scadenze realistiche per la loro attuazione. Questo elenco diventerà il nostro progetto export.

Ogni progetto export è fortemente personalizzato e riflette con precisione la situazione e gli obiettivi che si pone l’azienda; ogni azienda!

Ogni progetto è diverso dagli altri

Il consulente export deve preparare il progetto export pensando che si tratta di un elenco programmatico, un percorso da compiere, un elenco ordinato e ragionato di azioni da compiere e di situazioni da monitorare fino al raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

 

ATTENZIONE

Il progetto export nasce come un documento che fotografa l’azienda nel momento della sua decisione di iniziare ad esportare ma NON deve essere un documento statico. Il progetto export segue lo sviluppo dell’attività di esportazione dal suo nascere e si estende lungo tutto il suo sviluppo. Sia per il consulente export che per l’imprenditore, il progetto deve essere visto come un diario dell’attività di export, un libro di bordo che descrive tutti i propositi, le azioni e i loro esiti. Deve contenere la descrizione degli errori e anche i correttivi da apportare. In questo modo il progetto export si arricchirà continuamente di nuove pagine, di riflessioni, di propositi e di valutazioni. Se sviluppato con la dovuta attenzione, il progetto export, oltre a essere un fondamentale strumento di controllo dell’attività svolta e da svolgere, diventerà presto una formidabile fonte di stimoli e di nuove idee.

 

Pur confermando la necessità di preparare il progetto export tagliandolo su misura per ogni singola azienda, voglio elencare, nella forma più sintetica possibile, le voci fondamentali che ogni progetto deve contenere. Mi limito a nove punti ma insisto sul fatto che, nella pratica quotidiana, questo elenco si arricchisce rapidamente  di nuove voci e nuovi dettagli. Ecco l’elenco iniziale:

  1. Descrizione dell’azienda e dei suoi reparti (divisi per attività e competenze)
  2. Descrizione dei prodotti o servizi forniti (con particolare attenzione a quelli da destinare all’export)
  3. Analisi di mercato (nazionale e dei Paesi target)
  4. Strategie di penetrazione dei mercati esteri
  5. Aspetti legali
  6. Aspetti finanziari e fiscali
  7. Gestione dei rischi
  8. Sintesi delle azioni da intraprendere
  9. Documento di monitoraggio (con deleghe e realizzazioni)

 

Il progetto export (2)

 

 

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>