La Lettera di Credito (4) – Le insidie

Tranquilli ma attenti!

Lettera di Credito, insidieCome tutti gli accordi, anche le Lettere di Credito nascondono alcune insidie. Esaminiamone le principali.

 

Insidia n. 1

La Lettera di Credito non è confermata da banca italiana. Sebbene questo sia perfettamente legittimo, dover presentare la documentazione direttamente (o tramite una banca italiana soltanto “avvisante”) a una banca estera per la negoziazione (cioè per il pagamento) può, nella pratica diventare molto insidioso.

Per esempio può essere difficile, se non addirittura impossibile, apportare alcune piccole modifiche ai nostri documenti in modo da renderli perfettamente conformi a quanto richiesto dalla Lettera di Credito. Avere a che fare con un banca estera distante migliaia di chilometri rappresenta sempre una difficoltà in più, di cui è difficile valutare in anticipo l’importanza.

 

Insidia n. 2

La data di scadenza è troppo vicina e il tempo concesso è insufficiente a produrre tutta la documentazione richiesta per la negoziazione

 

Insidia n. 3

La Lettera di Credito contiene una clausola che non può essere soddisfatta. Anche senza averne l’intenzione, il nostro cliente (o la sua banca) può aver inserito una clausola che, al momento della preparazione dei documenti risulta impossibile o molto difficile da rispettare.

 

Insidia n. 4

L’importo della Lettera di Credito è espresso in una moneta diversa dall’Euro. Anche questa scelta dell’importatore è perfettamente legittima e anche frequente. Al momento della negoziazione, però, il cambio potrebbe essere variato in modo a noi sfavorevole e l’importo potrebbe essere significativamente inferiore a quello richiesto.

 

Insidia n. 5

Commettere l’errore di considerare la Lettera di Credito come parte della consegna/spedizione invece che parte della compravendita.

 

Anche se un buon contratto di compravendita evita molte insidie, suggerisco, in ogni caso di

  • Verificare che la banca italiana confermante (di solito scelta dalla banca estera emittente) sia di nostro gradimento
  • Verificare che la Lettera di Credito sia “irrevocabile*, confermata, a vista” (irrevocable, confirmed, at sight)
  • Chiedere al cliente (importatore) una copia della sua richiesta di emissione della Lettera di Credito (l’application che ha inoltrato alla sua banca)
  • Esaminare attentamente la Lettera di Credito appena viene notificata dalla banca italiana confermante
  • Verificare i tempi necessari al rilascio di tutti i documenti richiesti (molti documenti sono rilasciati da terze parti: spedizioniere, compagnia di assicurazione, agenzie di collaudo, Camere di Commercio, ecc.)

*secondo le NUU 600, salvo indicazione contraria, la lettera di credito è da considerarsi irrevocabile. Quindi non è indispensabile che la lettera di credito riporti la dicitura “irrevocable” in quanto l’irrevocabilità è sottintesa. 

 

Verificare che le due date fondamentali possano essere rispettate agevolmente:

  • la data di spedizione
  • la data di scadenza della validità della Lettera di Credito.

 

e infine

  • Verificare di poter produrre tutta la documentazione in modo perfettamente conforme a quanto richiesto dalla Lettera di Credito
  • Verificare, con particolare attenzione, che la descrizione della merce sia identica a quella che indicheremo in fattura e in tutta la documentazione.

 

 

La Lettera di Credito 1 – Il pagamento più evoluto

La Lettera di Credito 2 – Come funziona

La Lettera di Credito 3 – Le garanzie

La Lettera di Credito 5 – Cosa fare?

La Lettera di Credito 6 – La verifica finale

La Lettera di Credito 7 – Caratteristiche particolari

La Lettera di Credito Trasferibile – Strumento di autofinanziamento

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>