La Lettera di Credito Stand-by

Una Lettera di credito molto particolare

La particolarità della lettera di credito Stand-by consiste nel fatto che alcuni la considerano una lettera di credito mentre altri preferiscono definirla una garanzia bancaria. Personalmente, forse per non far torto a nessuno, sono dell’idea che la lettera di credito Stand-by, più semplicemente indicata con l’acronimo SBLC, sia entrambe le cose: Lettera di credito e garanzia bancaria, con la caratteristica di nascere come garanzia e, in caso di necessità, diventare Lettera di credito

Vediamo in dettaglio in che cosa consiste questa sua doppia natura.

Com’è noto, l’utilizzo di una Lettera di credito è piuttosto laborioso ed espone al rischio che la documentazione dell’esportatore impieghi troppo tempo per giungere nelle mani dell’importatore. Tale documentazione, infatti, dopo essere stata esaminata dalla banca negoziatrice, viene da quest’ultima inviata alla banca del destinatario e da questa, infine, consegnata al destinatario nostro cliente. Questa procedura rischia, soprattutto per destinazioni relativamente vicine, di far maturare spese di giacenza nel porto di destinazione dove la merce può essere ritirata soltanto dietro presentazione della polizza di carico originale.

Per evitare di sottostare a queste procedure lente e laboriose (e per altri motivi che qui non è il caso di menzionare), è stata creata la Lettera di credito Stand-by che consente di procedere come segue:

Prima fase (garanzia)
– L’esportatore, rassicurato dalla presenza della garanzia rappresentata dalla SBLC, spedisce la merce e i relativi documenti (incluso la polizza di carico) direttamente al destinatario, come se la fornitura prevedesse un pagamento posticipato semplice.
– L’esportatore, a seguito della fornitura, riceve il pagamento dall’importatore a mezzo bonifico bancario.

Seconda fase (lettera di credito)
– In caso d’inadempienza dell’importatore, cioè in caso di mancato pagamento della fornitura, l’esportatore si rivolge alla banca negoziatrice per attivare la Lettera di credito. La SBLC, infatti, fino a quel momento è in stand-by, cioè inattiva ma pronta per essere attivata su richiesta dell’esportatore, in caso di mancato pagamento (e soltanto in questo caso).
– L’esportatore procede all’utilizzo della SBLC che, una volta attivata, si comporterà come una lettera di credito ordinaria.

ATTENZIONE

– La seconda fase, l’attivazione della SBLC, entra in gioco SOLTANTO in caso di mancato pagamento da parte dell’importatore.
– La Lettera di credito ordinaria costituisce un impegno CERTO assunto dalla banca negoziatrice. L’impegno della SBLC è invece un impegno EVENTUALE, subordinato al mancato pagamento dell’importatore.

 

La SBLC è di solito utilizzata in caso di forniture ripetute nel tempo che, con questo strumento di pagamento, beneficiano di vantaggi per entrambe i contraenti: il compratore non rischia di dover pagare eventuali spese di giacenza e il venditore ha il pagamento garantito.

I documenti usualmente richiesti sono:

  • copia della fattura di vendita
  • copia del documento di spedizione
  • dichiarazione d’inadempienza da parte dell’importatore.

 

ATTENZIONE

La SBLC non può richiedere l’originale di polizza di carico perché questo è già stato inviato all’importatore che, al momento in cui l’esportatore riscontra il mancato pagamento, ha già, molto probabilmente, ritirato la merce.

 

Se l’esportatore riceve direttamente il pagamento, (o tutti i pagamenti), per la merce spedita, la SBLC viene lasciata scadere inutilizzata.

 

ATTENZIONE

Da quanto detto, si deduce quanto lo scopo di una Lettera di credito Stand-by differisca da quello di un credito documentario ordinario: mentre quest’ultimo ha soprattutto una funzione di pagamento, la Lettera di credito Stand-by soddisfa una richiesta di garanzia.

 

Spesso viene utilizzata come strumento sostitutivo della Lettera di credito ordinaria, specialmente nei casi di rapporti continui di fornitura dove non viene emessa a copertura di una singola operazione ma anche per importi che comprendono più spedizioni, da effettuare in un determinato arco di tempo.

La SBLC trova un utilizzo particolarmente vantaggioso in caso di spedizioni via aerea. In questo caso, infatti, merci e documenti possono partire contemporaneamente, evitando spese di giacenza a destinazione in attesa della documentazione che, qualora dovesse seguire l’iter bancario richiesto dal credito documentario ordinario, potrebbe accumulare un ritardo tale da vanificare i vantaggi offerti dalla rapidità tipica di questa modalità di spedizione.

 

La Lettera di Credito 1 – Il pagamento più evoluto
La Lettera di Credito 2 – Come funziona
La Lettera di Credito 3 – Le garanzie
La Lettera di Credito 4 – Le insidie
La Lettera di Credito 5 – Cosa fare?
La Lettera di Credito 6 – La verifica finale
La Lettera di Credito 7 – Caratteristiche particolari
La Lettera di Credito Trasferibile – Strumento di autofinanziamento

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.