L’Operazione Doganale Export

L’immancabile burocrazia

Customs ControlCom’è noto, l’esportazione delle merci non comporta il pagamento di alcun dazio e, con esclusione dei casi di imposizione delle accise, non comporta alcun onere finanziario. Abbiamo già trattato l’Origine delle Merci, la Classificazione Tariffaria e il Valore in Dogana e ora andiamo a esaminare, in forma sintetica, qual è la procedura per soddisfare le formalità doganali export.

 

Innanzi tutto, è necessario fare una premessa: quanto stiamo per dire è valido fino a quando non troverà completa attuazione il Nuovo Codice Doganale dell’UE (CDU) che è attualmente in regime transitorio fino al 1° maggio 2019. In particolare, una riforma è attesa con impazienza dagli operatori dell’export: l’unificazione delle dogane europee e quindi la fine della distinzione tra Dogana Export e Dogana di Uscita dall’UE. Ma andiamo con ordine ed esaminiamo la descrizione sintetica delle fasi di cui si compone la procedura doganale di esportazione.

1.
L’esportatore presenta la merce e la relativa dichiarazione di esportazione alla Dogana di Esportazione.
Questa operazione è svolta di solito dallo spedizioniere internazionale tramite il suo Doganalista che trasmette la dichiarazione alla Dogana per via telematica. La Dogana di Esportazione è la Dogana competente territorialmente nel luogo dell’esportatore.

2.
La Dogana di Esportazione esamina la dichiarazione di esportazione e la merce.
Procede poi ad assegnare alla spedizione un numero di riferimento (diverso per ogni spedizione) denominato Movement Reference Number (MRN).

3.
Terminati i controlli, la Dogana di Esportazione “svincola” la merce consentendone l’inoltro al vettore incaricato del trasporto. Allo stesso tempo, la Dogana di Esportazione consegna allo spedizioniere (che agisce per conto dell’esportatore) il Documento di Accompagnamento Esportazione (DAE) che accompagnerà la merce fino alla sua uscita dallo spazio doganale dell’Unione Europea.

4.
La merce e il DAE vengono presentati alla Dogana di Uscita dall’UE.
Dopo aver controllato che la merce presentata corrisponda a quella dichiarata, la Dogana di Uscita verifica l’uscita fisica delle merci dall’UE. Entro 24 ore dalla conclusione di tale verifica, la Dogana di Uscita invia il messaggio telematico “Risultato di Uscita” all’ufficio doganale di esportazione. Tale messaggio costituisce prova dell’uscita della merce dal territorio doganale dell’Unione Europea.

5.
L’esportatore può controllare il buon esito dell’operazione digitando il MRN sul sito dell’Agenzia delle Dogane alla pagina “Tracciamento di movimenti di esportazione o di transito (MRN)”.

ATTENZIONE

  • La merce svincolata per l’esportazione dalla Dogana di Esportazione deve uscire dal territorio doganale dell’Unione Europea (cioè transitare attraverso la Dogana di Uscita) entro  90 giorni dalla data dello svincolo
  • In caso di mancata uscita della merce dal territorio doganale dell’Ue, l’esportatore è obbligato a comunicare la mancata uscita della merce alla Dogana di Esportazione perché quest’ultimo disponga l’annullamento della dichiarazione di esportazione.

 

Questo grafico descrive schematicamente la procedura dell’operazione doganale export:

Procedura Doganale Export

 

 

 

 

4 Risposte a L’Operazione Doganale Export

  1. Mary ha detto:

    Buongiorno, ho due semplici domande da porle:
    La Bolletta Doganale e il DAE sono la stessa cosa?
    La Dichiarazione d’esportazione (online o cartacea) e il DAU sono la stessa cosa?
    In attesa i una cortese risposta, le auguro buon lavoro

    • Roberto Coppola ha detto:

      Il DAE (Documento di Accompagnamento Esportazione) è il documento che la dogana consegna all’esportatore e che, allo stesso tempo, scorta la merce dalla dogana di esportazione alla dogana di uscita dall’Unione Europea, nei casi in cui le due dogane non coincidano.
      La dichiarazione doganale equivale al DAU (Documento Amministrativo Unico) che è un formulario utilizzato in riferimento a una esportazione, importazione o altro vincolo a un regime doganale.
      Il tutto deve essere interpretato in chiave di dematerializzazione dei documenti. Questo significa che “il documento che scorta la merce” si traduce in una comunicazione telematica tra dogane.

  2. Karim ha detto:

    Salve, vorrei gentilmente avere degli info sul export import, vorrei comprare merce in stock da grossisti in italia per venderle a l estero tipo (abiti,scarpe,borse,cartoleria,,,,) cosa mi serve la partita IVA o bastano le fatture ivate (elenco della merce) quando devo passare la dogana grazie

    • Roberto Coppola ha detto:

      Per quanto ne so, un’attività commerciale abituale richiede l’apertura della partita Iva. Questa è una questione fiscale italiana e le consiglio di chiedere l’assistenza di un commercialista perché non è materia di mia competenza.
      Per il resto, lei è libero di esportare la merce che acquista presso fornitori italiani. Per l’operazione doganale export, che per la merce elencata non comporta alcun esborso di dazio o accisa, dovrà affidarsi a un doganalista. Le segnalo che, seguendo una procedura precisa, lei potrà comprare la sua merce da fornitori italiani chiedendo la non applicazione dell’Iva. Il doganalista incaricato le indicherà come fare: è una procedura abituale e molto semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.